novalogos

Novitá

Draguo Cabasciula

Paziente zero

Romanzo di una pandemia

PROSSIMAMANTE IN LIBRERIA - Il virologo Ezio Di Sammartino, dopo la morte del suo collega Adam Melandre, scappa da Parma per raggiungere la Val Di Pieve mentre un virus letale sta decimando la popolazione mondiale. Il dottor Di Sammartino, allievo del luminare Piero Baraldi, stava lavorando alla mutazione del Covid22 insieme al suo collega Melandre, forse per questo assassinato. La Val Di Pieve sembra, in un primo momento, il luogo più sicuro d’Italia ma è proprio qui che il Virus inizia a mutare e a svilupparsi colpendo e sconvolgendone la popolazione che grida all’untore. Ezio Di Sammartino si mette quindi alla ricerca del Paziente Zero, un uomo descritto come biondo e deforme. Bisogna arginare il contagio ma il male non fa distinzioni gettando il protagonista in un baratro di orrore e dannazione. Tra verità e menzogna un romanzo on the road, un libro dal sapore spionistico e uno sci-fiction che racconta ciò che potrebbe accadere in un prossimo futuro. Ezio Di Sammartino è un uomo solo alla ricerca di una scomoda verità che potrebbe cambiare le sorti del Mondo.

William Simon, John H. Gagnon

Outsiders sessuali

Le forme collettive della devianza sessuale

Cos’è che rende delle specifiche condotte etichettate o etichettabili come condotte devianti? Sulla base di quali elementi si sancisce la (a)normalità di un comportamento sessuale? Una condotta sessuale è anomala perché contraddice leggi naturali o dipende più direttamente da complicati processi di definizione sociale? E che ruolo svolge l’eterosessualità nella definizione e nella istituzionalizzazione dei regimi normativi riprodotti dalle logiche binarie quali “umano/inumano”, “naturale/innaturale”, “natura/cultura-società”? Le forme di sessualità “devianti”, “corrotte”, “immorali” e “perverse” mostrano come le questioni della “devianza” sessuale siano da analizzare come oggetto della reazione sociale tra imperativi morali, fantasie consapevoli e dimensione del desiderio. Dopo quasi cinquant’anni di oblio questa raccolta ripropone in Italia alcuni saggi classici dei sociologi William Simon e John H. Gagnon: dall’omosessualità al lesbismo, dalla sessualità in carcere alla prostituzione etero- e omosessuale, sino alla pornografia. Ancor prima di Foucault, del costruzionismo sociale applicato allo studio delle sessualità e persino delle teorie queer, l’impostazione di Gagnon e Simon non dimostra soltanto come qualunque forma di sessualità (normativa e non) sia “innaturale” ma quanto lo siano anche tutti gli altri tipi di comportamento. E se le devianze sessuali servissero per l’emancipazione di tutte/i?

Lorenzo Pedrini

La boxe popolare

Mentre in molti Paesi occidentali le destre razziste tentano di conquistare un’egemonia culturale nelle arti marziali e negli sport da combattimento, in Italia, da oltre un decennio, centri sociali e gruppi antifa promuovono lo “sport popolare”, di cui la “boxe popolare” è una delle discipline più diffuse. Quali ragioni si celano dietro il successo del pugilato nella galassia dei gruppi della sinistra di movimento? Come si diventa pugili competenti di una “palestra popolare”? Che implicazioni comporta l’apprendimento della boxe popolare rispetto alla (ri)generazione di un insieme di relazioni, logiche d’azione e cornici simboliche costitutive di una ben precisa comunità politica? Per rispondere a questi interrogativi, un giovane ricercatore ha indossato fasce e guanti e, per tre anni, ha condotto una ricerca nel territorio di Milano ricostruendo i codici simbolici di una cultura fisica nel suo intreccio con l’antagonismo metropolitano. Mescolando ricostruzione storiografica, narrazione in presa diretta, testimonianze dei protagonisti della scena e riflessione sociologica, l’autore offre un esempio di etnografia carnale di un’arte marziale. Il lettore viene così introdotto a tematiche e metodologie che animano il dibattito internazionale sullo sport nelle scienze sociali, ancora relegato ai margini nel contesto accademico italiano.

Lorenzo Caglioni

Hipster

Subcultura della crisi

PROSSIMAMENTE IN LIBRERIA - Risvoltini, barba, cappellino di lana, giacca a quadri, montone. In una parola Hipster. L’hipsterismo contemporaneo viene studiato qui per la prima volta. Nati come una subcultura giovanile a Brooklyn all’inizio degli anni 2000, gli hipster contemporanei si sono diffusi in tutto il mondo con uno stile di vita bohemién, raccontando con i loro paradossi i nostri tempi e gli eventi che hanno segnato l’immaginario della generazione nata fra gli anni Ottanta e Novanta. Il crollo delle Torri gemelle, la nascita di Internet e dello smartphone, la crisi economico-finanziaria del 2008: eventi impressi nell’immaginario dei millennials, la «generazione della crisi», una crisi non solo economica, ma sociale, politica e soprattutto culturale, che aspetta – o che già forse vive – un grande cambiamento. L’hipster può essere visto in qualche modo come l’incarnazione di questi cambiamenti. Vengono qui esplorati i contenuti espressi nella cultura materiale, nelle pratiche sociali e nello stile di vita dei giovani hipster. Si risponde al tema della crisi dell’Occidente (economico e culturale) con pratiche di riuso e la sensibilità al tema della sostenibilità, con atteggiamenti orientati alla sobrietà, pittosto che al consumismo, all’interno dei quartieri hipster.

Procreazione medicalmente assistita

Dalla riproduzione artificiale animale alla riproduzione artificiale umana

PROSSIMAMANTE IN LIBRERIA - Partendo dalla zootecnia e dai laboratori di ingegneria genetica - in cui si sperimenta sugli animali per modificarne e potenziarne i corpi - dall’origine delle tecnologie di riproduzione artificiale negli anni ’80, fino alla nuova legge di bioetica francese che estende l’accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA), il libro analizza la tendenza alla medicalizzazione di una maternità a tutti i costi e il passaggio che inizia con l’inseminazione, fecondazione in vitro, per terminare con la selezione genetica degli embrioni. La PMA apre la strada ad un cambiamento ontologico e antropologico dell’umanità (transumanesimo). Le autrici criticano l’accettazione della PMA, sempre più estesa, rimettendo al centro i corpi, il vivente e la relazione madre-figlio, la loro indisponibilità al biomercato e all’invasione tecno-scientifica.

Paolo Diana, Giovannipaolo Ferrari, Pietro Dommarco

COVID-19

Un mutamento sociale epocale

PROSSIMAMANTE IN LIBRERIA - Il Covid-19 ha stravolto la vita quotidiana dell’intera popolazione mondiale causando un mutamento sociale epocale. Questo libro raccoglie il contributo e le riflessioni dei più illustri esponenti della sociologia italiana riguardo agli effetti del Covid-19 sulla società italiana. Vengono affrontatati temi di rilievo e viene discusso il ruolo delle istituzioni in questa fase di emergenza: impatto ambientale; sicurezza e democrazia; Unione Europea e OMS; welfare e Sistema Sanitario Nazionale; comunicazione istituzionale e massmediatica; mercato del lavoro e flussi migratori; stravolgimenti nello sport e nella sfera religiosa; sistema scolastico e nuove forme di didattica a distanza. Un testo agile che vuole dare l’opportunità di orientarsi nel più grande cambiamento della nostra vita quotidiana sopraggiunto dopo la Seconda Guerra Mondiale.