novalogos

Novitá

Nunzio Mainieri, Nicola Casale

Fabbrica chiusa, fabbrica recuperata

Tracce di un nuovo ciclo di lotte di classe

Argentina 2001, tracce di un nuovo ciclo di lotte di classe: il proletariato risponde all’attacco contro le sue condizioni di vita, alla “crisi economica”, con l’occupazione e il recupero delle fabbriche dismesse e abbandonate dalla “classe imprenditoriale locale”. Il movimento di lotta argentino, proponendo un’alternativa al modello economico capitalistico, in crisi ovunque, ha esteso il proprio eco a livello internazionale, in Europa e in particolare in America Latina (contribuendo al risveglio antimperialista del sub continente). Le vicende argentine proiettano una nuova luce sulle prospettive di una rinnovata coscienza di classe a livello globale. Il libro è arricchito dalle interviste ad alcuni attivisti del movimento delle imprese recuperate dai lavoratori.

Vita oltre la morte

Oriente

Una riflessione profonda sul prosieguo della vita in seguito alla separazione dal corpo che accompagna il lettore nei meandri dell’Aldilà. Le tradizioni e religioni orientali e occidentali considerano la morte di ciascun individuo come un processo che va oltre il fenomeno biologico. Vengono qui raccolte diverse rappresentazioni delle possibili condizioni postume di quanto sopravvive alla vita corporea, sia esso l’anima, lo spirito o la larva del defunto. Questo volume è dedicato all’Oriente, dalla morte nell’Induismo si spinge allo stato intermedio del Bardo nel Buddhismo tibetano, dall’antica tradizione cinese e mongola arriva alle dottrine coraniche islamiche e agli antichissimi testi delle piramidi della civiltà egizia.

Stuart Hall , Tony Jefferson

Rituali di resistenza

Teds, Mods, Skinhead, Rastafariani: subculture giovanili nella Gran Bretagna del dopoguerra

Resistance Through Rituals, pubblicato per la prima volta in italiano, analizza le aggregazioni subculturali giovanili (Teds, Mods, Skinheads, Rastafariani) che hanno interessato la società britannica negli anni successivi al secondo conflitto mondiale. Si indaga sulle logiche intrinseche, l'immaginario e la critica latente che hanno sviluppato i giovani della classe operaia britannica, sensibili, secondo gli autori, alle dinamiche del mutamento sociale e politico ed in grado di costruire una soggettività tesa a preservare i sicuri territori di appartenenza (fisici ed ideali). Questa tendenza segna la fisionomia, l’azione e la semiotica corporale di intere classi di individui, inclini alla costruzione collettiva di una identità originale simbolizzata mediante una serie di status, premessa assiomatica, oltre all’esistenza di una consapevolezza di classe, che legittima le produzioni subculturali e regolamenta le pratiche degli attori sociali coinvolti.